15 gen 2009

Edimburgo, 6 Nazioni

Fra un mesetto, il bloggante e la famiglia saranno per un po’ di giorni a Edimburgo in occasione della partita del 6 nazioni Scozia-Italia (a cui assisteremo).

Dopo aver visitato diversi siti web e blog, stiamo ancora cercando qualche altra tipicità locale. Qualche luogo “strano”, qualche cosa che davvero valga la pena di vedere fuori dai circuiti classici. Sicuramente visiteremo la cappella di Rosslyn tanto cara ai fanatici del Codice Da Vinci e forse qualcuno dei paesini del Lothian.

Se fra i lettori c’è qualche anima buona che può mandarci altri link?

Intanto, dentro di noi, speriamo di rivivere quel 24 febbraio 2007 :-) proprio allo stadio Murrayfield di Edinburgo.

image

5 commenti:

Raibaz ha detto...

Che figata :)

A me hanno regalato a natale i biglietti per Italia-Francia al Flaminio e non vedo l'ora...

Salvatore Valerio ha detto...

tipicità locale?
bhe! se ti piace la birra scura e densa, la servono in bicchieri da una pinta bella tiepida come piace a loro.

a me personalmente, la birra scura e densa non piace.
sembra caramello andato a male.

invece, invece la birra tiepida che piace tanto agli anglosassoni mi richiama alla mente le montagne, i pendii erbosi, i pascoli delle vacche.

mi ricorda particolarmente quando le bovine, placide e ruminanti dopo aver allargato lievemente le zampe posteriori si liberano del peso superfluo con un fragoroso scroscio. :-)

dare da bere birra tiepida ai prigionieri è cosiderato pratica criminale dal tribunale penale internazionale. :-P

d'altronde quando si va in paesi diversi dal proprio bisogna prendere tutto il pacchetto.

il cibo tradizionale di un paese è cultura.

"qualche volta si va per il viaggio
qualche volta si va per la meta". (Azz! questa mi è venuta proprio bene. Senti un pò che perla di saggezza! Questa tienila da conto. anzi mettila nel blog sul lato destro . non sò se qualcuno l'ha pensata e detta prima di me, ma è una bella frase).

comunque, la scozia è famosa per i whiskey. cioè, per quei liquidi che bruciano il palato, ustionano la trachea, cabonizzano la faringe, fanno strabuzzare gli occhi e una volta nello stomaco infondono calore al corpo, leggerezza al cervello e sciolgono la lingua.

lasciando nel degustatore quel sapore di carbonella (la torba).

il dottore consiglia:
Bevendo un bicchiere di detto liquido tutto d'un fiato si ottiene l'effetto di sturare le orecchie e le vie respiratorie se congestionate da raffreddore e dall'influenza.

P.S. non fosse stato per i tuoi due metri e cinque nella foto non ti avrei notato. :-)

Gigi Cogo ha detto...

@Raibaz,

quella me la vedo in televisione e, comunque è durissima :-(

@Salvatore LOL
Non credo sia la Scozia la mia "meta" :-)

Salvatore Valerio ha detto...

edimburgo, in scozia sta! :-O

se non è la meta, allora è il viaggio (of course!)
:-)

claudio70 ha detto...

Conto di darti qualche dritta nei prossimi giorni ... se mai un viaggiatore come te ne avesse bisogno.