9 gen 2009

Conferenza “Cultura digitale e politiche dell’innovazione”

Doverosa segnalazione



L’Istituto per le Politiche dell’Innovazione organizza a Roma, presso la Sala delle colonne della Camera dei Deputati, il 15 gennaio 2009, a partire dalle ore 14.30, la conferenza “Cultura digitale e politica dell’innovazione“.

L’evento, organizzato con il Patrocinio della Camera dei Deputati ed in collaborazione con il Centro Studi Nexa del Politecnico di Torino, Aiip, Assoprovider, Isoc Italia e Assodigitale intende costituire un’occasione di confronto e dibattito tra industria, consumatori ed utenti, associazioni di categoria, giuristi e politici sulla politica dell’innovazione che occorre promuovere nel nostro Paese affinché le nuove tecnologie – ed in particolare quella digitale e quella telematica – costituiscano elementi abilitanti fasce sempre più ampie della popolazione ad accedere al patrimonio culturale oggi disponibile in Rete.

In tale prospettiva e con questo obiettivo, nel corso dell’evento che si articolerà in tre sessioni moderate da Anna Masera de La Stampa, Stefano Quintarelli di Eximia e Paolo de Andreis di Punto Informatico, dapprima i protagonisti dell’industria e della cultura digitale (Wikipedia, Youtube, Myspace, Dmin, Creative Commons, Microsoft, Università di Roma La Sapienza) racconteranno in cosa il mondo dei bit è diverso da quello degli atomi, quindi i rappresentanti delle associazioni di categoria (Assodigitale, Aiip, FIMI, Confindustria, Univideo, Altroconsumo, Assoprovider) evidenziaranno quali aspetti frenano lo sviluppo dei settori di rispettiva competenza e quali interventi normativi appaiono auspicabili e, quindi docenti universitari, magistrati ed avvocati riferiranno sulle questioni aperte e sulle possibili soluzioni per ricreare, nel contesto digitale, un equilibrio giuridico-economico tra il diritto di accesso alla cultura e quello d’autore.

La Conferenza verrà chiusa da una tavola rotanda moderata da Guido Scorza, Presidente dell’Istituto per le politiche dell’innovazione, alla quale prenderanno parte numerosi esponenti del mondo della politica che, da tempo, seguono e si occupano di questioni della Rete, della cultura digitale e dell’informazione.
Hanno già aderito all’invito a prendere parte alla tavola rotonda i Senatori Belisario, Cassinelli e Vita e gli On. Carlucci, Lorenzin, Palmieri e Peluffo.

La partecipazione alla Conferenza è libera e gratuita, ma dal momento che i posti in sala sono limitati si raccomanda la registrazione tramite posta elettronica al seguente indirizzo: info@istitutoinnovazione.eu.

PROGRAMMA

Ore 14.30 Saluto delle Autorità

Ore 14.45 Apertura dei lavori

Ore. 15.00 - Digital Culture
Modera Anna Masera – La Stampa

- Frieda Brioschi (Wikipedia)*
- Maria Ferreras (Youtube)
- Stefano Rocco (Myspace)
- Leonardo Chiariglione (Dmin)
- Juan Carlos De Martin (Creatives Commons Italia)
- Pier Luigi Dal Pino (Microsoft)
- Arturo di Corinto (Università di Roma La Sapienza)

Question Time e interventi programmati

Modera: Stefano Quintarelli – Eximia

- Michele Ficara Manganelli (Assodigitale)
- Paolo Nuti (AIIP)
- Enzo Mazza (FIMI)
- Antonello Busetto (Confindustria SI)
- Davide Rossi (Univideo)
- Marco Pierani (Altroconsumo)
- Dino Bortolotto (Assoprovider)
Question time e interventi programmati

Coffee Break

Ore 17.00 – La politica della cultura digitale in cinque mosse.
Presentazione del White Paper sulla cultura digitale dell’Istituto per le politiche dell’innovazione.

Ore 17.15 – Quali regole per la Cultura digitale?
Modera Paolo de Andreis* – Punto Informatico

- Alberto Maria Gambino (Presidente Commissione permanente diritto d’autore)*
- Stefano Trumpy (Isoc Italia - Istituto di Informatica e Telematica del CNR)
- Giuseppe Corasaniti (Magistrato, ex Presidente Commissione permanente diritto d’autore)
- Carmelo Giurdanella (Istituto per le politiche dell’innovazione)

Tavola rotonda
Modera:
Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell’innovazione

Intervengono:
- Sen. Sandro Bondi*, Ministro per i beni e le attività culturali
- Pres. Luigi Grillo*
- Pres. Guido Possa*
- Pres. Mario Valducci*
- Pres. Valentina Aprea*
- Sen. Felice Belisario
- Sen. Vincenzo Vita
- On. Gabriella Carlucci
- Sen. Ricardo Levi*
- Sen. Roberto Cassinelli*
- On. Vinicio Peluffo
- On. Antonio Palmieri
- On. Beatrice Lorenzin
- Vincenzo Cerami* , Ministro “ombra” per i beni culturali

1 commento:

Salvatore Valerio ha detto...

>>Ore 17.15 – Quali regole per la Cultura digitale?

ho notato che da un pò di tempo quando si discute di informatica, cybernetica, internet
(il nuovo mondo)
c'è sempre qualcuno che vuole fare o dettare le regole.

queste persone si possono dividere in: quelli che con le regole attuali ci guadagnano e dettando le regole per questo mondo futuro vogliono continuare a guadagnarci

e quelli che
non avendo ancora avuto la possibilità di dare un morso alla torta si fanno avanti come i nuovi legislatori in modo da poter guadagnarci

come si dice dalle mie parti
" chi sparte e sa spartì la meglia parte e sempre la sìa"
- traduco per il volgo italico -
"chi distribuisce e sa bene distribuire si prende sempre la fetta migliore".
:-)