9 nov 2008

Parte seconda di "Bozza d'istanza di cittadinanza virtuale" da indirizzare alla PA regionale, provinciale e locale.

di Luigi Bertuzzi @ w2wai.net - Parte prima

In attesa di raccogliere interesse e collaborazione alla formulazione e all'indirizzamento dell'obiettivo di questa bozza d'istanza di cittadinanza digitale .. da ampliare e completare .. ho inserito il seguente contributo, all'idea di questo post, in una pagina del sito Provincia di Belluno, dedicata agli strumenti per la partecipazione, accessibile solo previa registrazione ..
Il progressivo superamento del tradizionale "divario tecnologico", che divide chi ha accesso facilitato a Internet da chi non l'ha, sta lasciando il posto a un nuovo divario, di tipo comunicativo, tra chi ha una cultura digitale e chi non l'ha, paradossalmente individuabile anche tra chi usa il Web per popolare le ben note Reti Sociali.

Il sottoscritto, cittadino di Voltago Agordino dal 1992, pensionato da tre anni, trova impossibile avviare "iniziative dal basso" che, per decollare, richiedono una capacità di dialogo "paritetico" tra interlocutori divisi da cultura, localizzazione territoriale, interessi, età, professione, eccetera ...

Questo tipo di dialogo è "tecnologicamente" possibile; non è invece ancora praticabile "socialmente".

Le prossime azioni comunicative, a livello istituzionale, potrebbero indirizzare questo aspetto partendo (mi sembra) da una definizione partecipativa del problema che qui si cerca di abbozzare nello spazio di un commento.

blog it

Nessun commento: