2 nov 2008

Mesh avanti tutta

Live Mesh continua secondo la sua road-map e il sottoscritto, come beta-tester, tenta di trarne il massimo dei vantaggi anche con la piattaforma Mac-Os.

Infatti, proprio oggi, ho installato il client per Leopard.



I primi vantaggi percettibili, per ora, sono quelli legati alla sincronizzazione delle cartelle (ma per questo c'era già Foldershare che operava benissimo negli ambienti misti Win e Mac).

Ovviamente la funzione Live Desktop estende su web in modalità cloud questa abilità e, quindi, i files sincronizzati sono disponibili everywhere! Live Mesh, infatti, pubblica su web le cartelle gestite in modalità service e collegate all'account dell'utente in modo da permetterne la gestione da qualsiasi terminale, anche mobile.

Interessante, ora, anche la disponibilità per apparati mobili, già attiva sempre in Tech Preview all'indirizzo: http://m.mesh.com

Viste tutte queste diavolerie mi è venuta in mente una modalità applicabile all'iPhone che, notoriamente non dispone di funzionalità per la sincronizzare dei files se non quela nativa per la musica e le foto via iTunes.

Così, invece di installare applicativi per iPhone macchinosi come AirSharing, Brief Case o Files (fra l'altro tutti a pagamento), ho provato a sfruttare Live Mesh per rendere disponibili alcuni files da consultare dall'iPhone direttamente sulle cartelle del Live Desktop di Live Mesh.

Ecco, in velocità e un pochino al buio di un grigio pomeriggio domenicale, ho registrato una piccola demo spartana! Molto spartana. Ma l'importante, IMHO, è che funzioni!

Nessun commento: