18 ott 2008

IMHO n. 18

Rieccomi all'appuntamento fisso con IMHO, la rubrica che analizza la settimana sulla blogosfera italiana, secondo il parere del bloggante che cura questo spazio.

Settimana dall' 11 al 18 Ottobre 2008:

Politica e società (Il lato "impegnato" della rete)
Le esternazioni di Saviano hanno aperto un dibattito in rete. Le riflessioni sul triste momento vengono arricchite da Ivan con considerazioni molto intelligenti sulle grandezze e sulle priorità dei problemi nel nostro paese.

Ovviamente l'attenzione dei blogger è anche tesa ad analizzare l'ondata di nuovo socialismo e di nuovi protagonisti. Spesso dalla faccia di bronzo.

Sulla Gelmini, stendiamo un velo pietoso. Ieri il TG2 delle 20.30 ha fatto un capolavoro: immagini delle manifestazioni 2 secondi, dichiarazione della ministra 30 secondi, di nuovo immagini delle manifestazioni per 2 secondi soli, di nuovo dichiarazioni della ministra 30 secondi, altri 2 secondi di immagini e via alla propaganda della ministra, per circa 3 minuti. Nessuna voce degli organizzatori, nessuna intervista ai manifestanti, un monologo. (Vedere per credere!)

Ma tutto ha la sua logica, specialmente in questo paese dove gli elettori hanno messo il cervello in naftalina o continuano a farsi lobotomizzare dalla televisione.


Tecnologia (Il lato "smanettone" della rete)

E' la settimana dei nuovi MacBook ma soprattutto della polemica sull'abbandono, da parte di Apple, della tecnologia Firewire. Fioccano persino i sondaggi :-)

Friendfeed prosegue nella sua opera di aggregazione totale del lifestream e di continua offerta di nuove funzionalità. Ma c'è chi, come Antonio, si chiede se l'enorme overload porti valore alle discussioni o solo fuffa!


Cazzeggio della blogopalla (Il lato "burlone" della rete)

Mentre Rectoverso mena fendenti da paura sulla casta, PTWG si inventa lo script della settimana che ogni blogger ha condito al meglio. Ovviamente Mante e GasparT non se la sono presa e, anzi, sono stati intelligentemente al gioco.

Spassosissimo il dizionario di Napolux che vuole essere un aiuto nella traduzione dal "twitterese" all'italiano.

Mia moglie è un appassionata della fondazione Daje e mi ha consigliato di sottoscriverne il feed. Ero un po' restio perchè non mi va di sommare la frustrazione di questi giovanotti delusi dal PD, con la delusione della mia generazione ma, ho ceduto e vi ho trovato uno spassoso post (approfondirne i link please) che potrebbe essere replicato in tutta la blogosfera. Nella blogopalla italiaca, come nel PD, ho spesso la sensazione che ... "di cazzate bisogna farne una al giorno" :-)

Alla prossima settimana.

Le fonti a cui questo blog attinge sono nell'ordine: Wikio, Memesphere, Liquida, Aggregatore.com e, ovviamente il proprio lettore di feed dove, ogni tanto si possono trovare dei post consigliatissimi.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Il commento dato da TG2 ai manifestanti è stato più che sufficiente visto il vuoto delle loro dichiarazioni e della conoscenza nulla del perchè erano in piazza, copia incolla del pensiero nullo della sinistra. Eh poi basta co sto travaglio....

Gigi Cogo ha detto...

Certamente, ANONIMO!!!!!!!

Basta con Travaglio, basta con il dissenso, possiamo anche chiudere i blog che non la pensano come voi, che dici?

Prova a iniziare un confronto mettendoci la faccia, o è un etica del confronto che non ti appartiene?

Ciao

catepol ha detto...

oh anonimo te non c'hai nè un figlio a scuola nè lavori nella scuola...che ne sai?

claudio70 ha detto...

Forse oggi nessuno può essere certo di cosa avverrà tra dieci anni a causa di questa non-riforma. Purtroppo, come per i mutui in USA, se ne accorgeranno pesantemente i nostri figli e i lavoratori della scuola di domani. Ma sostenere che ridurre le ore di insegnamento migliorerà la scuola sarebbe come dire che l'assenza di pomodori in una scatola migliora la conserva (perchè non la rovina). Proposta: delocalizziamo la Gelmini dalle parti della Cina.