11 ott 2008

IMHO n. 17

Rieccomi all'appuntamento fisso con IMHO, la rubrica che analizza la settimana sulla blogosfera italiana, secondo il parere del bloggante che cura questo spazio.

Settimana dal 4 al 11 Ottobre 2008:

Politica e società (Il lato "impegnato" della rete)
Le riflessioni sul momento economico del pianeta, occupano la maggior parte delle conversazioni sui blog italiani e Wikio ne dedica una sezione apposita. Zambardino valuta gli effetti sulla economy 2.0, mentre un post di Ivan analizza le zone d'ombra delle manovre sul salvataggio delle banche. O meglio dei banchieri amici. Questa settimana in rete c'è molta attenzione sul Guzzanti pensiero e, forse, come dice Vittorio l'opposizione esiste davvero.

Purtroppo, al di là delle discussioni politiche ed ideologiche sull'economia e sulla democrazia, alcuni amici si fanno una domanda più concreta: "Che fine hanno fatto i nostri diritti di cittadinanza digitale?"


Tecnologia (Il lato "smanettone" della rete)
Davvero poche novità. L'innovazione è stagnante e all'orizzonte c'è "grossa crisi"! Tanto che le novità più interessanti sono solo delle patacche colossali.
Se c'è crisi, allora buttiamoci sull'Open magari provando la "release candidate" di Open Office 3. Al sottoscritto, fra le altre, appare molto innovativa questa funzionalità:
"With Version 3.0, OpenOffice.org is now able to run on Mac OS X without the need for X11"
Per il resto, all'orizzonte sembra non esserci nulla di tecnologicamente esaltante. Forse perchè ci siamo già bevuti tutto?

Cazzeggio della blogopalla (Il lato "burlone" della rete)

Ancora su Codice Internet? Purtroppo si, perchè sembra che la creatura non goda di grande salute e, il sottoscritto, ha cercato di dare alcuni suggerimenti al vulcanico Monty, magari partendo da uno dei tanti settori deboli a cui non è stata data voce.

Il cazzeggio in rete continua con Nina che rimpiange il passato (si stava meglio quando si stava peggio?) Rectoverso che trae l' amara conclusione: "Beh, che dire: ve la meritate Blogbabel!" ma, soprattutto con l'amara e ovvia constatazione di Zambardino che, in modo semplice, invita ad essere un po' meno autoreferenziali e capire che le dimensioni della blogopalla sono davvero cambiate.

Avrete anche notato che il bloggante che vi scrive su questo spazio, ha deciso di rallentare un po' la logorrea. E si vede.....

Un blogger di vecchia data non sarebbe sopravissuto a simile caduta in un solo mese. Minchia -25 come il Mibtel! :-)

Infatti, diminuiscono i link di webeconoscenza dagli altri blog ma aumentano i lettori unici e i lettori del feed. Forse una lettura c'è. Finalmente questo blog piace più alla gente che non abita la rete rispetto a chi l'abita in modo ossessivo.

Comunque, il sottoscritto è assolutamente, e in maniera del tutto onesta, contento e felice di tutto ciò, perchè di questi tempi sta maturando alcune convinzioni:

  • è meglio leggere che scrivere;
  • è meglio ascoltare che parlare;
  • è meglio lasciar scrivere e parlare anche gli altri;
  • è meglio avere ANCHE un blog personale e autoreferenziale, dove mettere i cazzabubboli geek e tecnologici che forse interessano sempre meno.
Alla prossima settimana.

Le fonti a cui questo blog attinge sono nell'ordine: Wikio, Memesphere, Liquida, Aggregatore.com e, ovviamente il proprio lettore di feed dove, ogni tanto si possono trovare dei post consigliatissimi.

2 commenti:

Italo Vignoli ha detto...

Ciao Gigi, se stai provando OOo 3.0, che dovrebbe uscire in versione definitiva domani, ti suggerisco di installare l'estensione Import PDF che ti permette non solo di importare e modificare i PDF ma soprattutto di creare un PDF Ibrido che OOo 3.0 gestisce come un file nativo (c'è un po' di XML in più) e tutti gli altri software come un normalissimo PDF. A disposizione, ovviamente, per tutte le altre informazioni sul tema (mi occupo, come volontario, del marketing di OOo). Ciao.

Gigi Cogo ha detto...

Grazie Italo, non mancherò.
Fra l'altro stiamo spingendo molto anche in azienda e penso che ci scriverò sopra qualcosa al più presto.
Keep in touch!