07 ago 2008

Il ritardo digitale non è nel Paese ma nei manager

Digitalizzare la pubblica amministrazione è inutile. Bisogna puntare a una rivoluzione culturale.

3 commenti:

lotto winning numbers ha detto...

I agree with you about these. Well someday Ill create a blog to compete you! lolz.

Maxx ha detto...

Grazie per questo intervento, è la concretizzazione di sensazioni e rimuginamenti vari di un IT manager nella PA

Salvatore Valerio ha detto...

non vorrei sembrare troppo pratico
ma...,
perchè non si prende un progettino
ino ino
di quelli che vengono usati negli stati uniti, in svezia, in israele, in finlandia o comunque in uno di quei paesi dove si fa amministrazione informatica?
uno piccolo piccolo
si vede come hanno fatto gli altri
sta cosa si chiama in termini manageriali "benchmarking"
in italiano "copiare quello che fanno gli altri"
e poi lo si applica alla propria amministrazione e magari ci si apportano dei miglioramenti

c'è un sacco di gente che si lagna
che all'estero sono sempre meglio
qua c'è un sacco di gente che sta sugli stacchi di partenza
con progetti mirabolanti
e poi non c'è mai nessuno che parte
anche solo con un progettino ino ino

io tempo fa vedendo in una segreteria
una impiegata amministrativa che batteva sulla tastiera con due dita
una lettera di poche righe
mettendoci un'eternità
e sembrava in preda ad uno spasmo
tanto che pensavo tra me
"poverina....così giovane e carina e già così spastica!" :-)

io
in quella occasione avevo fatto un pezzo su questo blog
il 29 maggio con il titolo
"La tastiera questa sconosciuta
Alfabetismo Informatico di base"
http://webeconoscenza.blogspot.com/2008/05/la-tastiera-questa-sconosciuta.html

dove avevo proposto di fare
per tutte le amministrazioni dello stato come prerequisito minimo
così come succede per molte delle amministrazioni nazionali succitate

delle prove
delle prove di dattilografia obbligatorie per tutti gli impiegati
non solo quelli subordinati
ma proprio per tutti
pure i manager
che non hanno una grande opinione di chi ha come compito quello di dattilografare documenti
come prerequisito minimo

la tastiera in molti, moltissimi
non sanno usarla con tutte e dieci le dita
sono lentissimi a scrivere una pagina
ci sono impiegati come quella che ho citato prima che per fare due lettere
ci mettono una intera giornata di lavoro
a voi è mai capitato di vederne una?
questo nel 2008 non è più ammissibile

questo limita moltissimo
l'utilizzo delle tecnologie informatiche
riduce di molto l'efficienza in tutte le amministrazioni
private e pubbliche

molti dirigenti pubblici e privati non
sanno scrivere con tutte e dieci le dita
e cosa ancora peggiore non hanno una grande opinione di chi lo fà

la mia proposta è quella
di prendere uno dei soft gratuiti
di dattilografia
se si digita dattilografia su google se ne trovano carrettare
e fare periodicamente all'interno di ogni
organizzazione un test
di velocita a scrivere con tutte e dieci le dita
chiamatela se volete
"le dita sulla tastiera"

un testo di un paio di pagine appena
da scrivere entro un certo numero di minuti diciamo 5 o dieci minuti

in questo tempo
la percentuale di errore di battitura deve essere
diciamo del 10 % per gli impiegati "normali"
quindi l'esame è superato se si scrive correttamente almeno il 90%

mentre per i capoufficio o caporeparto o comunque per
quelli che hanno qualche responsabilità direttiva
la percentuale di errore dovrebbe essereminore e scendere dell'1%
2 o 3%
quindi si supera l'esame se si scrive il testo con il 93%

le percentuali possono essere alzate
anzi con il tempo
le percentuali dovrebbero essere proprio alzate
ma ci deve "sempre" essere una differenza nelle prove fra chi dirige e chi no

chi sta sopra deve "dimostrare" più capacità di chi sta sotto

(uno dei problemi italiani è che quelli che stanno sopra, si sentono liberi di non dimostrare il perchè stanno dove stanno)

i risultati non potranno che essere obiettivi
infatti si gareggia con il computer
ci si mette davanti ad un computer
con il software di dattilografia
al termine del tempo indicato
il pc decreterà:
1° il tempo impiegato
2° le percentuali di errore
il pc non può mentire
il tempo per effettuare questo test
sarà molto breve
molto meno del tempo spercato per andare a prendere un caffè
e può essere effettuato in ogni momento della giornata
non bisogna riunire tutti gli impiegati dell'ufficio o del dipartimento

se ne chiama uno alla volta
lo si mette davvanti al pc
si accende il soft
e si da il via
una volta terminato
si prendono i risultati
quando tutti hanno finito
si salva e si stampa

i risultati una volta ottenuti vengono messi in bacheca
e nel fascicolo personale di ognuno
naturalmente questo determinerà una graduatoria

determinerà una certa "competitività a fare meglio" all'interno della amministrazione
ed inseriti nel proprio fascicolo personale

questo è solo una piccola cosa
che poi potrebbe fare parte di un
più ampio ed articolato programma
di training e test
di altri tipi di training e di test

di incentivi e premi
fatto per migliorare la produttività generale

uno dei problemi della pubblica amministrazione è:
che nessuno AUTO - addestra e poi testa
i propri impiegati e manager

tutti si aspettano
che sia qualcun'altro a fare l'addestramento
per il proprio personale

e quando questo qualcuno crea un programma di addestramento
"i corsi"
ci sono dirigenti, capi e responsabili che non mandano i subordinati a fare il corso

o considerano il corso come un premio
o considerano il corso come tempo sprecato
una immeritata vacanza dal lavoro

parafrasando Pino Daniele
" la capa di molti manager è fracida e s'avessa cagna'"

i tre principi cardini di ogni organizzazione vincente
sono: disciplina, addestramento, organizzazione