7 lug 2008

Partecipazione democratica, ovvero: METTI LA TUA VOCE IN BILANCIO

Quanto contano le occasioni e le relazioni?
Molto, moltissimo e forse possono aiutare a costruire una rete. Anche nella Pubblica Amministrazione.

Tutto nasce da una mia partecipazione al Forum PA che sta generando una certa "coda lunga".
In questi ultimi anni ho conferenziato spesso al Forum con diverse iniziative (web, elearning, project management, ecc.) ma mai come quest'anno ho riscontrato un interesse di operatori/colleghi sulle tematiche del web 2.0 nella PA e su tematiche laterali che cercano di mettere al centro la "partecipazione" del cittadino/utente e la proattività degli "operatori/innovatori" della Pubblica Amministrazione.

L'auspicio, ora, è di fare "rete" non solo con le ecellenze e le cosidette "case story" ma soprattutto con le persone che, anche nella PA, sono il patrimonio principale e il volano delle relazioni di ogni rete.

Ho fatto una premessa di coda lunga perchè, dopo la partecipazione al convegno del Forum PA, mi sono arrivate molte email, richieste di interviste, articoli per riviste di settore e semplici segnalazioni di progetti in corso.

Proprio da una delle persone che ha partecipato al convegno (sarà Mauro a presentarsi nei commenti se lo riterrà opportuno) mi è arrivata la segnalazione di una iniziativa che cerca di stimolare i processi che portano le amministrazioni ad aprirsi al dialogo con, e tra i cittadini.




METTI LA TUA VOCE IN BILANCIO è, infatti, il sistema di partecipazione al Bilancio della Regione Lazio. Il progetto è molto articolato ma, al centro, mette un sito e un blog: http://www.economiapartecipata.it

L'iniziativa è un serissimo tentativo di aprire l'amministrazione alla trasparenza, al dialogo, alla voce dei cittadini. Un palinsesto per far collaborare cittadinanza e decisore per sconfiggere le dinamiche top-down che sanno molto di privilegio. Insomma un tentativo per percorre le possibilità offerte oggi dal web 2.0 e per migliorare il rapporto tra amministrazione, territorio e cittadini.



Gli strumenti partecipativi sono ben coerenti con l'ottica 2.0 e in particolar modo quelli che permettono di votare e commentare le proposte inserite da altri o di scegliere un ambito di bilancio che meriterebbe maggiori risorse, ecc.
Notevole anche l'idea di far consultare l'Atlante della Partecipazione, con la mappa di tutti i comuni laziali che nel 2007 hanno utilizzato fondi regionali per realizzare bilanci partecipati.

Un grosso in bocca al lupo agli operatori che hanno creduto in questa operazione sfidante e agli amministratori lungimiranti che hanno accettato la sfida.

Nessun commento: