03 apr 2008

Tu tagghi e io pago! E il criceto fa il resto!


Incredibile servizio. Ma mica tanto!
Ho trattato spesso il tema della "fatica" ai tempi del 2.0 e, più in generale, la "fatica da partecipazione".

Anche la marcatura (taggatura) dei contenuti costa fatica. Eppure è un fondamento delle folksonomie, del social bookmarking e di mille altre diavolerie più o meno 2.0

Per farla breve, taggare le foto costa fatica e, leggendo Techcrunch scopro un servizio che tagga a pagamento per noi.

Tagcow fa tutto questo, secondo il vecchio principio dell' "unione fa la forza". Uomini, si uomini che lavorano per noi pagati pochi centesimi di dollaro.

clipped from www.techcrunch.com

I haven’t confirmed this yet. I’ve emailed the company for a description of how the service works but have yet to hear back. Until we do, I’m betting that humans are the taggers. Note that Google has effectively thrown in the towel and uses humans for this kind of work, too.


blog it



Criceti che girano la ruota!


Nessun commento: