1 apr 2008

Il boicottaggio si può fare

Mi ero già espresso sulla questione cinese:

Ora mi sento meno solo!

1 

Non porterà la fiaccola olimpica, in segno di solidarietà con le sofferenze del popolo tibetano. Una delle star del calcio indiano, Bhaichung Bhutia, buddista, originario di uno stato, il Sikkim, incuneato tra Cina e Nepal, ha annunciato la sua clamorosa protesta con una lettera all'Associazione Olimpica Indiana.

1 commento:

newmediologo ha detto...

Vorrei qualcosa di davvero clamoroso del tipo che, al colpo di pistola della finale dei 100 metri gli atleti rimangano fermi e si railzino incrociando le braccia.. Sai che botto.. Il boicottaggio è perdente, è fuga e rinuncia, meglio azioni clamorose e spettacolari.. Ci boicotta viene dimenticato mentre chi fa cose di quel genere come Tommy Jet Smith rimane nella storia..