10 apr 2008

Gli utenti finali nel mirino di EMC2

EMC2 non è una delle grandi società informatiche più conosciute dagli utenti della rete. Eppure è una delle aziende più importanti nel panorama dell'ICT. Un colosso industriale che gestisce il patrimonio informativo di milioni di aziende.

Ho avuto la fortuna di conoscere questa azienda dal di dentro e mi ricordo che i manager con i quali ho conversato, mi avevano assicurato che il loro modello di business si sarebbe rivolto sempre di più verso l'utenza consumer. L'utente finale, in pratica. Quindi un canale diretto e non mediato.

Emc2 ha fatto molte acquisizioni negli ultimi anni e ora, dopo l'acquizione di Mozy sembra essere in dirittura d'arrivo anche per l'acquisto di Iomega.

E' il segno preciso che, anche questo grosso colosso che sinora aveva consolidato un modelli di business basati su soluzioni enterprise per grandi aziende, si rende conto che la massa degli utenti (in special modo quelli della rete) è fondamentale per intraprendere modelli di business diversi, forse anche più solidi di quelli tradizionali.

Insomma, si margina di più nel produrre e rivendere, quasi al costo una soluzione ICT tradizionale o espandendo le proprie soluzioni su milioni e milioni di utenti della rete e dei supermercati?

Un altra azienda che sta mutando in questa direzione è Cisco Systems, e i rumors dicono che potrebbe essere, proprio quest'ultima ad acquistare tutta EMC2 comprensiva delle sue recenti acquisizioni: Legato, RSA, VMware, Documentum, Mozy ecc.

Staremo a vedere. L'importante è sapere che, come utenti, siamo nel loro mirino :-)

3 commenti:

newmediologo ha detto...

Eh si.. Anche Gigi Cogo mi cade nel pleonastico..

"grosso colosso" è un tantino ridondante..

Hai mai visto dei colossi piccoli..?

A parte le dispute della Crusca credo che il fatto che aziende che detengono e sviluppano grandi tecnologie debbano anche andare verso il mercato consumer o prosumer ma non farlo attraverso sottomarche o competendo per prezzo..

Infatti Linksys non ha nulla a che vedere con Cisco mentre sarebbe molto meglio rendere alcuni prodotti Cisco più "umani" dal punto di vista della gestione e della configurazione..

Non come l'ultima volta che per configurare un router ho dovuto chiamare un topo certificato che è stato li una giornata e mi è costato uno sproposito..

Gigi Cogo ha detto...

@newmediologo,
ecco l'occasione per farti conoscere la networking academy. Ti fornisco il primo link: http://community.assint.org,
Da li ti si apre il mondo Cisco e, forse, la soluzione per configurare il router senza spendere soldi :-)
Ovviamente dietro le quinte c'è "un grosso colosso di blogger". Indovina chi?

newmediologo ha detto...

@gigicogo

Grazie.. Mi è arrivato un invito proprio ieri con in regalo il libro Wikinomics..

In genere dormo cullato dal campo magnetico degli AiroNet perchè almeno quelli li so configurare..

Il "grosso colosso" non sarà mica uno splendido 50enne..?