02 apr 2008

Cambiare lavoro

Da noi, cambiare lavoro è una tragedia!

Tutto ciò che riguarda incertezza, mobilità e precarietà è considerato male. Non sto qui a far discorsi ideologici. E' chiaro che la mobilità è facile da attuare dove c'è un mercato del lavoro solido e dove le incertezze vengono annullate da una continua offerta.
Da noi, quello che manca è la "certezza" del lavoro e la sua tutela sociale/sindacale è più orientata alla salvaguardia del privilegio.

Ma son sicuro che, anche se ci fosse la certezza, la nostra indole "conservatrice" ci indurrebbe a non lasciare la strada vecchia per la nuova.

Così non è nel mondo ICT. Ho la fortuna di lavorare a stretto contatto, da molti anni, con manager, account commerciali e tecnici più o meno affermati, del mondo ICT italiano e vedo che, queste persone, cambiano molto spesso il datore di lavoro.



Ecco perchè, le notizie gridate, relative ai movimenti fra Google e Facebook mi fanno sorridere. E' normale. E' nella natura americana e ancora di più nella natura di chi opera nell'ICT.

Nessun commento: