15 mar 2008

Orrore cinese!

Sono sempre più convinto.
Un occidente serio, non piegato agli interessi economici, boicotterebbe da subito le olimpiadi in Cina.



Purtroppo i nuovi equilibri planetari ci fanno capire che bisogna inginocchiarsi al colosso cinese ed è davvero deprimente.



Questo blog NON PARLERA' mai delle Olimpiadi di Pechino!
Questo blog invita i blogger italiani a tacere su ogni notizia relativa alle Olimpiadi 2008.
Se i giornali generalisti, e i grossi broadcaster, sono piegati agli interessi degli editori. Alziamo la testa e drizziamo la schena! Boicottiamo, nel nostro piccolo, le olimpiadi in Cina!

5 commenti:

Biagio Raucci ha detto...

Se quello dei 100 morti davvero dovesse dimostrarsi un bilancio attendibile, io credo – è una mia speranza, soprattutto – che i governi occidentali dovrebbero avvertire la Cina che a queste condizioni i Giochi Olimpici non si possono fare. Senza se e senza ma.

newmediologo ha detto...

NON sono affatto convinto che ci si debba piegare al colosso cinese.. La Cina andrebbe boicottata per una lunghissima serie di motivi e la sua arroganza nel porsi sulla scena mondiale arginata.. Ogni giorno arrivano notizie di ecatombi di morti sul lavoro in Cina.. Un efficace controlo di qualità respingerebbe il 90% dei prodotti cinesi.. In Africa si sperimentano le prime avvisaglie di ribellione al metodo cinese che pretende di far lavorare la gente a condizioni che nemmeno nelle colonie erano accettabili.. E via dicendo.. La Cina è un mostro che va fermato..

boh/Orientalia4All ha detto...

giusto! e parliamo dei tibetani, che sono 50 anni che sono uccisi, rieducati, cacciati, torturati, scomparsi (1.000.000 i morti diretti), dislocati, rapiti (i bambini vengono portati via dalle famiglie tibetane da piccolisismi per essere "rieducati" in famiglie cinesi di provata fede: una vera e propria operazione di pulizia etnica.

Sotto gli occhi di tutti, che tacciono. Per l'Iran si sono smosse 3 superpotenze.

Anonimo ha detto...

siamo tutti bravi a demonizzare il made in cina,ma quanti di noi oggi e' piu' in grado di rinunciare al telefonino?al compiuter??al digitale alla play station?al tv al plasma mega?al lettore mp3,e chi piu' ne ha piu' ne metta.ci sensibilizziamo solo subito dopo aver visto qualche reportage,dove si vede in che condizioni disumane lavorano i cosi' comunemente chiamati omini,i bambini a costruire tutto cio' che i nostri bravi imprenditoti importano in italia per poi qui' limitarsi ad attaccare etichette griffate.ma subito dopo aver cambiato canale,tutti pronti ad acqustare e divorare tutto cio' che non riusciamo piu' a fare a meno.buon shopping a tutti ed occhio alle etichette.ciao da neddu

Mauri ha detto...

La Cina con il suo comunismo capitalista sta cercando da anni di trovare la quadratura del cerchio. Sta seguendo le direttive del fu Milton Friedman e dei suoi seguaci con il mercato che deve alimentare il mercato . Ha tagliato le spese sociali e impone licenziamenti con l'esercito . Aveva trovato nel Tibet il modo di avere mano d'opera a prezzi bassissimi , si perchè anche loro cercano di subappaltare il lavoro. Ora la repressione sarà durissima perchè il governo cinese non si può permettere che qualcuno alzi la testa . Darebbe l'esempio ad altre etnie represse e scalfirebbe la falsa immagine che da anni la Cina sta cercando di imporre. Boicottiamo si le Olimpiadi in ogni forma possiamo ma boicottiamo anche i prodotti cinesi che nella maggior parte dei casi si costano poco ma valgono ancora meno.
In Cina chi ci guadagna sono i nuovi miliardari . Hanno preso esempio dalla Russia e stanno facendo ancora peggio.