26 mar 2008

Nuovi modelli di business dal web broadcasting



Il personal broadcasting, o il social broadcasting via web, sono ormai un servizio accessibile a tutti.
Non è facile districarsi fra i social software che favoriscono i palinsesti personali, anche perchè abbastanza spesso, le piattaforme proposte sono un ibrido e possono presentare funzionalità aggiuntive che provano a spingere questi servizi verso nicchie bene definite. Nicchie di business!

Un servizio basato sulla possibilità di trasmettere audio e video su web potrebbe anche offrire potenzialità sfruttabili per:
  • Videoconferenza uno a molti
  • Videoconferenza molti a molti
  • Voip con supporto video
  • Distant learning o teleassistenza
  • Condivisione di lavagne o di applicazioni
  • Video chat con invio di file
    ecc. ecc.

Diciamo che Ustream, Mogulus e Justin sono dei palinsesti di web tv. Sicuramente Mogulus è quello che permette di gestire più funzionalità da regista!
Yahoo Live è un sistema, principalmente di video chat come anche, in minima parte Skype!
Brio di Adobe, invece, è adatto alle vidoconferenze con Room e al tutoring!

Per non parlare delle applicazioni mobili. Ebbene si. Si può fare già via palmare streaming e casting! Ma di questo parlerò più avanti.

Tutto questo bene di Dio che ci viene offerto gratuitamente (as it is), sta facendo
decollare l'interazione multimediale. E lo fa velocemente tanto che ormai, si predilige l'approccio sincrono a quello asincrono.

Ma un altro effetto diromponte, è dato dalla possibilità di utilizzare questi servizi smontando interi patrimoni di HW e SW nelle proprie aziende. Insomma perchè dotarsi di tanto ferro, tecnologia e conoscenza sistemistica quando tutto è su web pronto per l'uso?

Deve averlo pensato anche Mogulus che, ora, sta pensando di dividere l'offerta in due. Una libera e social e l'altra Pro!
Ovviamente il pro, permetterebbe a tutta una serie di aziende di farsi la tv personale su web, senza dotarsi di infrastruttura dedicata.
Stessa cosa sta succedendo per le videoconferenze. Perchè spendere vagonate di dollari quando si può affittare un servizio Pay per Use!

E siamo solo agli inizi!

Nessun commento: