07 gen 2008

Qualcuno vuol baciare Google, ma non in bocca!

Leggendo un po di articoli arretrati mi sono imbattuto in questo del 19 Dicembre.
L'autore è quel Andrew Keen che già aveva scritto un libro molto critico sul blogging. Andrew sostiene che la diffusione dei blog, di fatto, abbassa il livello culturale della rete.
Sostanzialmente sostiene che il tanto rumore è sinonimo di mediocrità.




Nell'articolo del 19 Dicembre il buon Keen si avventura in un appassionante dichiarazione d'amore nei confronti di Google Knol proprio perchè, questa nuova killer application annunciata da Google, potrebbe far riemergere i veri intellettuali della rete.
Auspica, infatti, un ritorno al pezzo firmato contro l'anonimato di Wikipedia.
Un sapere certificato! E pagato!

Qui gradirei davvero qualche parere come commento.

2 commenti:

Eta ha detto...

E vabbè, chiudete le porte che se no la capperata esceeeee!!

catepol ha detto...

non è detto che solo perchè mi pagheranno io non scriva cazzate...così che non è detto che io non scriva cose da esperta anche a titolo gratuito ...
I love to share konowledge for knowledge sake...
come la mettiamo?