8 gen 2008

Ma non era amico di Silvio

L'istrione e camaleontico Sarkò ne ha lanciata un altra.

clipped from www.corriere.it


TV DI STATO SENZA PUBBLICITA’ – Tra le priorità fissata dal presidente francese c’è anche una rivoluzione «senza precedenti» dell’ordinamento televisivo: Sarkozy ha dichiarato di voler riflettere sull’ipotesi di «una soppressione totale della pubblicità sulle reti pubbliche» della televisione. Le tv pubblica potrebbe essere finanziata, ha detto, da una «tassa più alta sugli introiti pubblicitari delle reti private e da una tassa infinitesimale sul volume d’affari dei nuovi mezzi di comunicazione, come l’accesso a Internet o alla telefonia mobile».


blog it

Si, se avete letto bene: "La tv pubblica finanziata dalla pubblicità della tv privata".




Repubblica la interpreta addirittura come TASSA!

Alè Alè Sarkò!

2 commenti:

Fabio ha detto...

Sicuramente tutto questo rientra nel suo ideale "Rinascimento" di cui il mondo - dice - ha bisogno. Vorrà essere ricordato come Sarkò il Magnifico...

Vax ha detto...

Mi sembrava anche a me che fosse amico di Silvio.....

Però eliminare la pubblicità non sarebbe male, anche se io eliminerei prima di tutto il canone!!!