17 gen 2008

Chiave di lettura sui dati ISTAT

La pubblicazione dei dati su: "Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Disponibilità nelle famiglie e utilizzo degli individui" a cura di ISTAT", si predispone a diverse letture.
Molti giornali e blog autorevoli ne stanno parlando e, spesso, mostrano grafici come questo.


o questo



Innanzitutto, secondo la mia modesta opinione, sarebbe utile andare oltre la prima pagina del rapporto (dove appare questo grafico) e leggere, ad esempio, questa frase:

"Il picco di utilizzo del personal computer si ha tra i 15 e i 19 anni (oltre il 77%) e per Internet tra i 15 e i 24 anni (oltre il 68%), per poi decrescere rapidamente all’aumentare dell’età. Già tra le persone di 35-44 anni l’uso del personal computer (54,1%) e di Internet (48,5%) è molto più contenuto".

In pratica è, fondamentale contestualizzare i dati NON ASTRAENDOLI da fattori assolutamente determinanti come: L'età, la cultura, il tempo ecc.

La mia impressione è sempre la stessa. I giovani si approcciano da "abitanti" della rete e da "dominatori" delle tecnologie. I meno giovani da "utenti" della rete e "dominati" dalle tecnologie.

Entrambi, però, sono sempre più CONSUMATORI!

1 commento:

Matteo ha detto...

Non sarei così convinto nel definire i giovani come "abitanti" e "dominatori". Diciamo che, secondo me, andrebbe calcolato (ma è impossibile) il numero di persone che usa le tecnologie consapevolmente. Ci si stupirebbe nel vedere come molti (presunti e/o autoconclamatisi) guru siano parecchio ignoranti in materia... :)

Basterebbe una domanda molto semplice: "descrivi con parole tue cosa succede dal momento in cui richiedi una pagina web dinamica (php, asp o altro, è indifferente) a quando viene visualizzata sul browser". Le risposte, secondo me, sarebbero sorprendenti, a partire da cosa intende un presunto dominatore delle tecnologie per "pagina web dinamica"... :)