26 lug 2007

Il mio mondo 1.0

Oggi si stava "cazzeggiando" (si può dire?) su Twitter.
Sarà l'estate, il modo gioioso e ludico di interpretare il microblogging o nanobloging (chiamatelo come volete) e di stravolgere tutte le regole, come è sempre stato nello spirito vero della rete.

Insomma si giocava e nel gioco apparivano dei miei micro-post che, forse, alcuni giovanotti 2.0 interpretavano come pura follia.
Ma non ero solo! Ecco che si accodavano alcuni dinosauri 1.0 che oggi popolano la blogosfera :-)

Quindi provo a lanciare un meme come seguito a quei micro-post e a chiedere ONESTAMENTE chi si ricordi di questi oggetti/servizi/applicativi/ecc. Ma anche chi non li ha mai sentiti di ammettere ONESTAMENTE che quel mondo ha aperto le strade a quello che è oggi il vero "villaggio globale":

A) I comandi Hayes.
Chi si ricorda ancora cosa significi ATH, N1, ecc? Eppure tutti i modem erano configurati a mano!


B) Il Trumpet Winsock.
Windows non avevo lo stack protocollare TCP/IP nel sistema opeartivo!





















C) Mosaic.
Il primo browser NCSA. Grigio, paurosamente grigio!


























D) Eudora.
Mitico programma di posta che, alle prime versioni, occupava pochi KB!

























E) HotDog.
Programma di editing html!

Sono tutti 1.0 e ancora vivi!

Oggi in Twitter abbiamo ricordato il browser VideoOnline ma non ho trovato immagini su Google. Qualcuno ricorderà le prime reti Rg58 con transceiver e configuratore per le Etherlink 3com con AUI











Ve lo ricordate?

















Questo era il difficilissimo mondo 1.0. Ostico, terribilmente ostico ma affascinante.

Forza ricordatemi qualcos'altro per mantenere viva la memoria!

_____________________________________________________________

Questa parte è stata aggiunta oggi 27 Luglio 2007!

Leggendo i vostri commenti e altri post che seguono questo meme, mi è venuta voglia di rovistare gli armadi in ufficio ed ecco apparire i reperti del 1995


























Ho scannerizzato questi dischetti, solo che ora non so dove inserirli. Mannaggia.
Devo zipparli e mandarmeli per posta, poi sulla workstation Vmware voglio reinstallare il kit con tutti i programmi.

Giovani geek/comunicatori 2.0, solo 15 anni fa si faceva così! Dischetto in edicola o Zmodem e giù scaricare a 200 bps dalla rete Fidonet!

Si, si, voglio fare una hall of fame :-)

_____________________________________________________________

Proseguo con le aggiunte, guardate cosa mi manda Sergio Maistrello:











http://www.sergiomaistrello.it/materiali/tesi/QCRDG01.pdf



Alzi la mano chi c'era.........!

Lo sento, è tempo di Hall of Fame!

_____________________________________________________________

E allora ditelo che io proseguo. Ma non ho più fazzoletti per piangere:





















http://www.search.com/reference/FidoNet


_____________________________________________________________


























Biagio invia il mitico 5.25, devo trovare un 8 pollici


_____________________________________________________________

Stefano invia le prime video-chat.......e mio figlio di 8 anni telefona con Skype :-(


41 commenti:

Stefano Epifani ha detto...

oddio... ci credi che mi son venuti gli occhi lucici? erano altri tempi.. altre cose ...un'informatica più divertente... casalinga... ...vado a scovare gli articoli che scrivevo al tempo... e rinfresco la memoria rispondendo al meme...

Mario S. ha detto...

Stupendo.
Non siamo morti allora.
Che robe, avevo dimenticato eppuro è ieri l'altro.
Non dimenticarti le BBS ANSI.

Daniele ha detto...

embè.. Netscape 1.0, il Trumpet Winsock, seyon o minicom su linux, pow-wow (che era incredibilmente avanti e per questo fallì), ecc.

S.B. ha detto...

Mosaic !! Quanti ricordi (sigh !!)

ivan ha detto...

se vai avanticosi gigicogo mi fai venire in mente il commodore 64.....

D4rKr0W ha detto...

Grandioso. Fantastico. All'epoca, i programmi che funzionavano meglio erano quelli con l'interfaccia più ostica, sia che fosse una GUI o testuale.
Ora, per poter affermare che un'applicazione "funziona bene" si da anche molto peso all'intuitività dell'interfaccia. Questa secondo me e' una grande pecca del fenomeno 2.0. Peccato che non fossi ancora in grado di usare un pc. Io ho cominciato con Win 98, quindi relativamente poco tempo fa...
Ottima tematica, comunque.

Webmast ha detto...

@ivan Il mio promo amore è stato un Commodore 128. :) Ce l'ho ancora. Non lo butterò mai.

Bakko ha detto...

Ciao,

prima del mosaic, che aprì le porte alla navigazione grafica e ipertestuale, esisteva il Gopher (ho trovato una foto ma non so come postarla): menu testuali con i quali si interagiva muovendosi con le freccine e premendo un bel enter quando si incontrava ciò che interessava.
Non vorrei che si dimenticasse, come si diceva in un altro commento, le BBS e le reti amatoriali (fidonet, cybernet, etc.). Sono state il primo esperimento di comunicazione web 1.0 con aree messaggi che facevano il giro del mondo in 24 ore esatte.

- Andrea -

catepol ha detto...

tolto il primo più o meno le altre cose ho idea di cosa siano...ehehe ho avuto un commodore 64 anche io che vi pare ;-) i primi modem cazzarola :-)

catepol ha detto...

ma LOL...ora mi metto a rovistare tra i reperti visto che sono a casa dei miei e troverò anche io qualcosa del 95 ....mo mi ci metto ;-)

ziomacz ha detto...

Grande Gigi. Manca solo un terminale Videotel e poi c'è tutto!

dadokkio ha detto...

io sono più giovincello e il pc non è da tantissimo che lo ho (internet poi :P)
l'unica cosa che conosco sono i comandi per il modem (non che li abbia mai dovuti usare però) che mi hanno insegnato a scuola 3/4 anni fa :P

Biagio ha detto...

Altri tempi. Ricordo che, per risparmaiare, compravo i floppy (quelli da 3 pollici e mezzo) da 720KB e, con il cacciavite rovente, li trasformavo (bucherellandoli) a 1.44MB :)
In giro per casa devo averne ancora qualcuno: proprio l'altro giorno ho avuto bisogno di alcuni programmi scritti in GWBasic ed è stato un'emozione dover riusare il vecchio floppy drive (oramai ridotto ad un ricettacolo di polvere)...

jakaiser ha detto...

Erano i tempi dell'«informatica eroica», dei programmi fatti dagli utenti per gli utenti. I tempi delle BBS come dice bakko. A quei tempi, la rete era meno "trasparente". A tutti, consiglio «Giro di vite contro gli hacker» di Bruce Sterling, un bellissimo saggio giornalistico su quell'epoca "epica"

[ral] ha detto...

uno snapshot di una BBS?

[ral] ha detto...

ops, mica mi sono accorto che l'avevano già nominata...

Dario Salvelli ha detto...

Dai,altro che vintage: ricordo qualcosina perchè seppur piccino inizia con un 8086 e tra Derive,Lotus..però un ricordino al Dos lo potevi fare. :(

Stefano Mainardi ha detto...

Quante cose mi hai fatto tornare in mente, post stupendo davvero.
Ero un ragazzino quando usavo quegli strumenti, ma era tutto come il miele per le api, mi sembrava di essere un pioniere di certe tecnologie.

Oggi qualcosa è cambiato, l'informatica non è più divertente come quella di una volta, perfortuna che esistono i ricordi e possiamo dire orgogliosamente di aver vissuto quei giorni di rivoluzione.

Ste

catepol ha detto...

ho riesumato questo a casa dei miei
quanto ero figa col Floppy USB portatile colorato altro che le pennette

http://farm2.static.flickr.com/1221/914597667_659bbe05c0.jpg?v=0

luigibio ha detto...

che tempi quelli là.. continuo il meme sul mio blog
saluti luigibio

luca ha detto...

è la nostra storia... è un peccato che tutto rischi di essere dimenticato....

kOoLiNuS ha detto...

la metto sul ridere:

MINKIA KUANTO 6 VEKKIO!

... sigh !

mafe ha detto...

VideoTel, io c'ero, era il 1989!! E come si chiamava quell'incredibile programma per fare ipertesti che stava su 18 floppy (hackerato)? Non HyperCard, uno per PC!

Natascia ha detto...

...ricordo esattamente tutto....in particolare FidoNet che mi ha fatto conoscere il pre-mondo web..aggiungerei una foto di un modem a 2400!!!! lo ricordo come fosse ieri...

[The_Doc] ha detto...

Che flash! Personalmente fidonet non l'ho mai usato, però mi ricordo le notti (telefonare costava meno) passate tra le varie bbs rigorosamente a 28.8 alla ricerca chissà poi di chè...
Poi arrivò internet, il trumpet winsock, mosaic... bei ricordi!

[ral] ha detto...

zero software (ché praticamente si è già nominato tutto) ma Hardware a volontà:
http://randomaccesslife.blogspot.com/2007/07/hardwaresauri.html

[ral] ha detto...

hardwaresauri
ehm, avrei sbagliato a scrivere il link, prima

[ral] ha detto...

Ce l'ho, ce l'ho, il software: LapLink ('desso trovare una schermata, boh).
E poi che si ricorda il PCTools?

chicco ha detto...

Arrivo tardi ma voglio ribadire che i mitici PCTools e VirusScan (rigorosamente sia su floppy da 3,5 che da 5,25) sono stati fedeli compagni di un periodo fantastico!

Samuele ha detto...

Iniziamo a giocare sul serio.
Dai.

http://www.samuelesilva.net/dblog/articolo.asp?articolo=1600

Felter Roberto ha detto...

tralasciando le divertite sul C64, il primo programma utilizzato da me, se qualcuno se lo ricorda alzi la mano per favore, è stato il Merlin.
Software assempler per 6502 che usavo su un Apple in laboratorio all'Itis per programmare le piastre rockwell AIM65 ( http://tinyurl.com/2xaypx ) che non avevano un sistema di salvataggio.(vedi nella foto a sinistra la stampante tipo calcolatrice dove potevi stampare i codici inseriti in modo da poterli RICOPIARE quando riaccendevi la scheda)

floria ha detto...

allora, il mio primo PC è stato un 386 con Windows 3.1 e MsDos 5.0 (se non ricordo male era il il 1992 o il 1993) Poi feci l'upgrade a 486, aggiunsi memoria RAM, raddoppiai virtualmente il disco rigido (che originariamente era 70 Mb o giù di lì) e passai a Msdos 6.0: mi sembrava di possedere uno Shuttle! Mi compravo di continuo libri sulla gestione della memoria e imparai parecchio tentando di far funzionare il simulatore di elicotteri Comanche. Poi mio fratello (ingegnere) mi fornì modem 28kbps per correggere le versioni di latino a distanza della nipote che allora faceva il liceo e siccome avevo sputtanato la prima di una lunga serie di stampanti (non so perché ma mi si rompono tutte dopo poco) mi passò anche un'archeologica stampante ad aghi (che ruppi irrimediabilmente in pochissimo tempo). Io non sono un'informatica, però devo dire che prima di passare a Windows 98 in effetti mi divertivo di più perché dovevo "capire" come diavolo funzionasse il mio ruzzino informatico e riuscivo a manipolare senza darmi eccessivo pensiero anche le impostazioni di base. Sarà che quando facevo l'Università (1979 - 1983, sigh)abitavo con quattro iscritte a Informatica che mi deliziavano con incomprensibili (per me)diatribe sul Cobol e sui linguaggi di programmazione. Il programma che stavano scrivendo per la tesi (qualcosa che doveva misurare l'accrescimento osseo, mi pare) non girava mai e loro erano sempre sull'orlo di una crisi di nervi. Poi nel 1992 ebbi l'illuminazione: dovevo imparare qualcosa di tecnologia perché l'innovazione, anche didattica, passava di lì, non c'era verso. Nel mio liceo di provincia, allora, mi prendevano per fissata, ma ora, anche se non sono una tecnica e insegno latino (figurarsi) se un Pc si pianta vengono a chiedermi lumi: io non so mai con esattezza quello che faccio, ma in genere me la cavo (eh eh eh). Devo ringraziare le mie liti notturne con il vecchio 486, che peraltro funziona sempre e non credo che butterò mai.

Lobotomia ha detto...

che tempi...
le bbs... gopher...

CampoBaseWeb ha detto...

Il "vostro mondo 1.0" è stato il naufragio delle illusioni de "il mio mondo pre-web".
Se quelle illusioni non fossero naufragate oggi quei "figli di papà", che si autodefiniscono nativi digitali, avrebbero qualcosa di meglio da fare del cazzeggio, inoltre, l'essere portatori di una cultura digitale non verrebbe confuso con la capacità, fine a se stessa, di usare il Web 2.0 :-((
Credo che i veri nativi digitali siano nati quando ancora le facoltà d'informatica non esistevano; quando, per scrivere la guida utente di un super computer, bisognava battersi tutto il testo su una perforatrice di schede, farsi un programmino Fortran e portare una cassettata di schede al "card reader" per mettere un "batch job" in "coda di input". I più bravi (l'ho visto fare al CERN, dove poi nacque il Web) riuscivano a correggere gli errori di battitura al volo, ficcando con lo sputo un rettangolino di cartoncino della scheda in un foro, per farlo diventare uno "zero" invece di un "uno". Era un modo banale di fare "l'hacker" ... voleva dire percepire un problema e metterci una pezza ... Quella era l'impostazione giusta per farsi una cultura digitale!!
Invece cosa vi ha portato il "vostro mondo 1.0"??
Vi ha portato le dispense "computer NO PROBLEM" .. da comperare dal giornalaio :-((
Vi ha portato l'illusione della pappa fatta, la "non percezione dei problemi come strumento di apprendimento e di conoscenza" .. la famosa "bolla" delle start-up che andavano a fallire miseramente sul mercato delle "soluzioni" prefabbricate e delle "killer applications" :-)))) (amaro)
Qualcuno ha capito - come leggo qui sopra nel commento di floria - anche senza esser nato ai miei .. di tempi :-)) .. ma sono in pochi .. troppo pochi; la maggioranza resta quella di chi va in brodo di giuggiole per Versione Beta .. oppure quella di chi va a commentare i post di Beppe Grillo .. guardandosi bene dal provare anche solo ad immaginare come mettere una pezza ai problemi che lui denuncia .. a fare il life hacker ..
Sarà che sono ancora a Bologna e mi mancano le Dolomiti .. sarà che sono fatto vecchio ... ma in questo momento per quella cultura digitale de "il mio mondo pre-web" che .. non ha potuto tramandarsi ed evolvere .. mi sembrano adattissime le parole conclusive del Vecchio Frack di Modugno ..
Adieu adieu adieu adieu, addio al mondo
Ai ricordi del passato
Ad un sogno mai sognato
Ad un attimo d'amore che mai più ritornerà

Emanuele ha detto...

Posso segnalare uno Sharp dell'anteguerra?! :-)
Eccolo qui: http://www.dreamsworld.it/emanuele/2007-02-22/sharp-pc-4600-ritorno-al-passato/

Leggendo il post trovi anche alcuni video ed alcune foto da pubblicare nel wiki... ;-)

Ciao,
Emanuele

nemesis ha detto...

Ci saranno sempre le persone 1.0, anzi 0.9 perchè non si sentono mai perfette, sempre passibili (possibili?) di miglioramento. Ma è grazie a quelle persone che lavorano di codice, di CLI, shell... è grazie a quelle persone che è possibile tutto questo.

blusfumato ha detto...

ma stupendo non l'avevo letto questo post! mi è scesa una lacrimuccia sul videotel ^^

outer ha detto...

tutto ok, che ricordi, ma per esempio io ai tempi neanche screenshoottavo nulla... qualcosa lo ricordo di più qualcos'altro meno.
ma niente chat e niente IRC Gigi ?
:-)

postoditacco ha detto...

Putrtroppo vengo a conoscenza solo ora di questo post. Ho buttato in discarica giusto un paio di anni fa (con l'ultimo trasloco) i floppy da 5" 1/4, tutti i floppy dal DOS 3.3 in avanti, Windows 3.1 e uno Spectrum 48k con relative cassette. nel '90 fu su pc senza hard disk e con schede perforate. Nonostante tutto, ho sempre l'entusiasmo di allora, anzi, molto di più :)

postoditacco ha detto...

@Ral Io me li ricordo! Laplink 5 per la precisione.
Ricordo anche che nel 1989 usavo WordStar (Ctrl+k+c e Ctrl+k+k erano l'equivalente di copia-e-incolla).
Come non citare il mitico pkzip (1990) altrimenti programmi come Prince of Persia col cavolo che stavano su un floppy da 5" e 1/4.
E le lotte per risparmiare pochi bytes all'interno dei programmi per stare entro il limite di 640kb?

Gigi Cogo ha detto...

@postoditacco,

questo mondo 1.0 ci appartiene ancora, non c'è nulla da buttare.

Ecco perchè ho sempre una mezza fiss anel fare, prima o poi, un blog vintage. Se non lo ha già fatto qualcun'altro :-)