23 mar 2007

Moodlemoot in corso

Ero venuto qui a Reggio Emilia con un certo entusiasmo. Non che mi sia svanito del tutto perchè trovarsi con le comunità è sempre un momento di crescita.

Comunque sapevo che i "filosofi", i "pedagogisti" e gli altri soggetti che gravitano attorno a mondo dell'istruzione l'avrebbero fatta da padrone con tutte le loro discussioni sul costruttivismo, sul connettivismo sull'informal learning e bla bla bla.
In pratica tutto quello che già è stato detto a Bolzano la scorsa settimana.

Ma poi si è provato a parlare di strumenti, del web 2.0, di come andare oltre a Moodle con l'abilità informatica.

E qui casca l'asino. Mi son mancati i programmatori, gli smanettoni che ci sono, e come se ci sono. Mi son trovato a seguire alcuni laboratori pratici diretti da docenti :-(

No, per piacere. Sono il primo a dire ce anche il pedagogista deve imparare ad usare gli strumenti dell'elearning 2.0, ma non può fare il docente di informatica. No quello proprio no!

Ho sentito cose che voi umani.................Vabbè speriamo meglio nella giornata di oggi !

p.s. a parte Gianni Marconato.......zero blogger :-(


















Technorati tags: ,

3 commenti:

Giacomo Mason ha detto...

putroppo conosciamo benissimo il problema.

Per troppo tempo abbiamo messo delle barriere, oggi dobbiamo imparare a costruire dei ponti. E' quello che serve è una nuova generazione di filosofi-pedagoghi-smanettoni-blogger-giornalisti-programmatori-manager che facciano da "ponti umani" tra i vari mondi.

lorenz ha detto...

Non c'ero (grr...), quindi non so se c'erano tanti blogger: di sicuro due, lui e lui

fabio ha detto...

Forse sarebbe ora di chiarire cosa fa una comunità legata ad un progetto opensource come Moodle.

Direi che sicuramente condivide tutto ciò che sta alla base della filosofia opensource. Inquadrata in una cornice abbastanza ben definita, quale la licenza GNU-GPL.

In seconda battuta ci sono gli approcci sociologici/psicologici/filosofici/pedagocici.

Ripensandoci, forse il Moodlemoot è stata una vetrina servita solo a dire: "siamo qui, guardata quanto siamo belli e bravi...!"

Ok... e poi!?!