02 feb 2007

Nuvole, tagging, web che pensa

Ho letto oggi un articolo su PI di Alfonso Marcuccia che mi ha dato alcuni spunti sulla tematica del tagging e della categorizzazione.

In questi giorni sto affrontando un fitto calendario di convegni, work-shop e incontri sul 2.0 più dal punto di vista culturale che tecnologico e il problema sul quale noto un grande diffidenza è proprio quello della "taggatura".

Specialemnte nel mondo pubblico (Intranet aziendali, portali istituzionali ecc,) c'è una grande paura nel dare "potere" all'utente e a permettergli di taggare le informazioni o le risorse (servizi). Resta, però, il problema dell'autoreferenza.
Ormai è assodato che non piace a nessuno il portale che si autocebra, che "...dice vai di qua, vai di la, io sono tizio, io sono sempronio,..." o parole del tipo "organizzazione degli uffici", "categorie dei servizi", "canali", ecc.

E' però dura cedere al "tagging" degli utenti.

L'altro giorno ho scritto un post relativo al sito del comune di torino web 2.0 dove mi chiedevo quando avrebbero inserito la taggatura.
Bene, mi hanno risposto via email, dicendo che ci stanno lavorando. Perbacco! Voglio vedere, voglio capire.

Possibile che un Ente pubblico accetti, senza moderazione, la categorizzazione dei contenuti fatta dagli utenti?

Avremo una nuvola di tag anche nei portali governativi un giorno?

Citando l'articolo di Marcuccia: "La ricerca, basata su interviste online e telefoniche, mette poi in evidenza come giudicare la pratica del tagging sia in realtà più complesso di quel che sembra: alcuni siti, sostiene la società, permettono di catalogare i contenuti in maniera così semplice che gli utenti non sono consapevoli di stare in realtà partecipando alla costruzione del segno caratteristico del Web 2.0. Una pratica talmente vitale che, anche se fosse condotta da un numero minimo di internauti, rappresenterebbe un appiglio prezioso per chi cercasse informazioni e contenuti basandosi esclusivamente su di essa"

E qui come la mettiamo?

Insomma, non riesco a pensare a un tagging gestito o moderato e se lo si farà addio a web semantico e dintorni!

Technorati tag

Nessun commento: