15 mar 1998

Il Municipio di Venezia in rete

Se sei arrivato qui da Google, sappi che l'articolo che cercavi è stato spostato altrove e più precisamente qui:

http://www.webeconoscenza.net/1998/03/15/il-municipio-di-venezia-in-rete/

Se vuoi seguire il nuovo blog con gli rss, abbonati qui:

http://feeds2.feedburner.com/webeconoscenza/fPQu

_____________________________________________________________


Articolo originale per Mondo Bit:
http://www.gigicogo.it/articoli/reti7.html

Da alcuni mesi l'Amministrazione comunale di Venezia ha provveduto ad affiggere un congruo numero di manifesti che pubblicizzavano la rete civica del Comune e invitavano i cittadini a navigare nel WWW.
Il progetto, che ha portato il Comune ad affacciarsi sulla grande rete con il sito web http://www.comune.venezia.it, viene gestito dall'Ufficio Relazioni con il Pubblico: http://www.comune.venezia.it/urp.htm, un servizio del Comune di Venezia che si occupa di garantire la trasparenza dell'azione amministrativa.
Sulla pagina web del servizio viene enunciato che l'Ufficio Relazioni con il Pubblico è un servizio di comunicazione che riconosce e valorizza il diritto dei cittadini ad essere informati, ad essere ascoltati, a ricevere una risposta chiara e esauriente, favorendo il loro ruolo attivo e la loro partecipazione alle scelte per la città.
L'ingresso in Internet dev'essere visto, quindi, come un ulteriore passo dell'amministrazione comunale verso una continua implementazione dei servizi di informazione al cittadino.
L'offerta di servizi su Internet è, per ora, molto povera (ma questo è un problema di tutte le amministrazioni pubbliche italiane) giacché privilegia per il 90% notizie statiche e ripetitive che non hanno nessuna utilità pratica. Gli interminabili elenchi di Uffici, responsabili e orari, servono a ben poco in rete, mentre vengono sicuramente apprezzati i servizi interattivi.
La prima cosa utile che salta all'occhio è, senza dubbio, la pagina relativa agli indirizzi di posta elettronica, http://www.comune.venezia.it/mail.htm, che il Comune rende disponibile per favorire un canale telematico con i cittadini.
Troviamo con piacere l'indirizzo di posta elettronica del sindaco e di tutti gli assessori nonché di molte strutture comunali. Sarà utile provare ad inoltrare delle mail per verificare la qualità e, soprattutto, i tempi delle risposte che, in rete, sono la componente più qualificante.
Un altro servizio molto utile è indubbiamente quello offerto all'indirizzo http://www.comune.venezia.it/proced.htm che permette agli utenti di accedere a tutta una serie di procedimenti semplificativi tipo certificazioni, autorizzazioni, richieste ecc. acquisibili in formato HTML oppure stampabili per essere utilizzate come modello.
Dalla stessa pagina possono essere aquisite le informazioni relative ai deliberati in corso e alle modalità di acquisizione delle copie degli stessi.
Oltre ai servizi disponibili è interessante navigare nel WWW del Comune per addentrarsi nelle curiosità veneziane e anche nei progetti finanziati dal Comune per il recupero dei forti (http://www.comune.venezia.it/Forti_Mestre/index.htm) o del Parco di S.Giuliano (http://www.comune.venezia.it/sangiuliano/index.htm), senza tralasciare la pagina degli appuntamenti culturali e delle mostre (http://www.comune.venezia.it/citta.htm).
Il sito purtroppo non è ancora dotato di strumenti interattivi: chat, newsgroup o mailing-list tematiche, che probabilmente verranno sviluppati in seguito.
Un particolare plauso va fatto per la cura dell'aspetto grafico del sito, molto essenziale ma al tempo stesso accattivante e in linea con la tradizionale simbologia veneziana.
Il Comune di Venezia non sembra, per ora, intenzionato a mettere in linea le banche dati dell'amministrazione, che potrebbero garantire un enorme serbatoio di dati (culturali, bibliografici, catastali, anagrafici ecc.) per gli studenti, le aziende e i ricercatori. Questa ulteriore implementazione diventa strategica per tutte le reti civiche che, in futuro, vorranno dare servizi telematici ai cittadini e alle aziende.

Venetia (questo è il nome ufficiale del sito) è arrivata un po' in ritardo nel panorama delle reti civiche municipali e, per ora, non può certo competere con i colossi storici come Iperbole (http://www.comune.bologna.it/), di Bologna, o RCM (http://wrcm.dsi.unimi.it/MIRROR/START/PalazzoMarino/Index.html), di Milano, ma va dato atto che la strada intrapresa è quella giusta.

Nessun commento: