12 apr 1997

PIANETA BBS - Il mestiere di Sysop (terza parte)

Se sei arrivato qui da Google, sappi che l'articolo che cercavi è stato spostato altrove e più precisamente qui:

http://www.webeconoscenza.net/1997/04/12/pianeta-bbs-il-mestiere-di-sysop-terza-parte/

Se vuoi seguire il nuovo blog con gli rss, abbonati qui:

http://feeds2.feedburner.com/webeconoscenza/fPQu

_____________________________________________________________




Articolo originale per Punto Informatico:
http://www.gigicogo.it/articoli/bbs14.html


In sintesi:

Pronti per partire. Scegliamo il SW e connettiamo la BBS a Internet


Siamo finalmente in possesso degli elementi di base per poter affrontare l'avventura che ci porterà a far parte dell'universo delle BBS in modo attivo e partecipato.

Il mondo dei sysop è molto variegato ma va detto che esiste una forte forma di partecipazione e collaborazione che permette anche ai novellini di poter trarre beneficio dai consigli e dai trucchi dei veterani. Sarà molto difficile trovarsi soli nella risoluzione di un problema (anche se qualche notte in bianco va messa in preventivo) perché qualcuno ci avrà già sbattuto la testa e la soluzione del problema è, sicuramente, già disponibile.

La collaborazione è molto attiva già nelle conferenze fidonet e da qualche anno anche nei newsgroup di Internet, mentre per i vari sistemi SW di BBS esistono spesso delle mailinglist monotematiche molto utili.

Ed è appunto questo il territorio telematico più frequentato per risolvere i problemi (che sono tanti) di configurazione, di implementazione e di manutenzione del software BBS e di tutti i prodotti di supporto.

Rispetto a qualche anno fa i problemi sono sicuramente minori anche perché il SW per BBS si è notevolmente evoluto permettendo un ampio salto di qualità anche dal lato host per quanto riguarda le problematiche di gestione. Molti dei nuovi prodotti si interfacciano a funzioni native dei sistemi operativi che li ospitano, permettendo interfacciamento con database, monitoraggio delle risorse di sistema, gestione remota, cooperazione con il filesystem del S.O. ospitante ecc. ecc.

Come orientarsi allora nella scelta del SW?

In effetti la questione posta non è facile, anche perché il panorama dell'offerta si sta evolvendo con una velocità vertiginosa e i nuovi standard (TCP/IP, HTML, SMTP ecc..) influiscono notevolmente sulle performance del prodotto che andiamo a scegliere. Detto questo non si può che porre il quesito fondamentale: la BBS deve essere connessa alla rete Internet?

La risposta determina il 90 per cento delle scelte successive perché esserci o non esserci (in Internet) non è sicuramente la stessa cosa, né per il sysop né per l'utenza.

Se la BBS non viene connessa alla rete Internet non bisognerà farsi carico di tutta una serie di problematiche ma basterà dotarsi di un bel PC un software all'avanguardia e affidarsi alla Telecom per la gestione delle linee commutate. È chiaro che una BBS non collegata ad Internet deve erogare dei servizi "esclusivi" e ben targhetizzati che giustifichino, da parte dell'utenza anche la spesa di una chiamata interurbana.

Esistono in Italia esempi di questo tipo sia in ambiente commerciale che amatoriale e se ben strutturati garantiscono la competitività del prodotto. Certo il settore di erogazione deve essere fortemente di nicchia, altrimenti non vale nemmeno la pena di avventurarsi.

Con l'avvento di Internet una BBS che eroga servizi di base (files shareware, posta locale e messaggistica) non ha nessuna prospettiva di sopravvivenza in quanto questi servizi sono superati dall'Ftp sui grandi siti in Internet, dalla Email e dai Forum.

Va detto infine che le SW House stesse dopo il boom di Internet hanno abbandonato le implementazioni dei prodotti della vecchia generazione convogliando tutte le energie sui nuovi SW di gestione Internet oriented.

Oggi come oggi i SW sui quali puntare l'attenzione sono principalmente 4 o 5 e per la recensione di questi rimando agli articoli precedenti reperibili su http://www.geocities.com/SiliconValley/Heights/7526/archivio.html o sui prossimi che seguiranno.

Una lista esauriente è comunque disponibile presso: http://www.volftp.vol.it/IT/IT/COLLABORAZIONI/DIMAGGIO/links_t.htm.

Un'ultima osservazione porta a considerare l'opportunità di creare un Web site BBS oriented, ovvero una Intranet accessibile in dial-up per gli utenti locali, e TCP/IP per gli utenti globali. Gli strumenti ci sono le possibilità pure, e il software è spesso freeware. In pratica si tratta di assegnare ai nostri utenti degli account limitati che permettano di navigare all'interno di un Web site basato su proxy senza avere accesso alla rete globale ma sfruttando tutte le potenzialità del Web. Nulla di più semplice per chi possiede un accesso remoto e un browser sul quale scegliere il proxy e collegarsi ad un Web site come fosse una BBS.

Gigi Cogo

Il redattore di questa rubrica è raggiungibile via Email e Web ai seguenti indirizzi: Email: gigi.cogo@bigfoot.com - Web: http://bbs.venezia.net - BBS excalibur IP: @bbs.venezia.net

Questa rubrica esce solo al sabato. I sysops interessati possono contattarlo per recensioni. I numeri arretrati sono reperibili presso: http://www.geocities.com/SiliconValley/Heights/7526/archivio.html. Nei limiti del possibile cercheremo di visitare tutti i sistemi proposti.

Nessun commento: